Pasta, panetteria, pasticceria

Anicini o Biscotti all’anice

LAVORAZIONE DEL PRODOTTO: Miste.

TECNICHE DI LAVORAZIONE: La lavorazione inizia con la miscelazione di tutti gli ingredienti ed il relativo procedimento di impasto. Subito dopo si inizia a modellare il prodotto in cilindri schiacciati che vengono infornati al fine di indurire l’impasto. Quindi si procede al loro taglio al fine di formare la tipica forma a mezzaluna. Successivamente gli anicini si infornano nuovamente fino a raggiungere una doratura omogenea e la biscottatura.

PERIODO DI LAVORAZIONE: Tutto l’anno.

territorio = VV

INGREDIENTI UTILIZZATI: Farina tipo “0”, mandorle, zucchero, uova, strutto, latte, polvere lievitante, semi di anice.

FORMA: Mezzaluna.

DIMENSIONI MEDIE: Lunghezza 6 cm. e larghezza 3 cm.

PESO MEDIO: 25 gr.

SAPORE: Dolce.

ODORE: Anice.

COLORE: Dorato.

tradizione = L’anice ha origini orientali, ed è presente in Calabria come pianta selvatica. La famiglia degli anici è tra le più antiche e più vaste in campo liquoristico, i componenti sono spesso presentati con nomi diversi: Anicione, Anesone, Sassolino, Sambuca, Mistrà, Costumà. Si ricava dai semi della Pimpinella anisum e dai semi dell’Anice stellato. La droga è rappresentata dai frutti che contengono olio essenziale, zuccheri e mucillagini. L’anice è digestivo, diuretico, carminativo e sedativo.

Scrivi un commento: