Pesce sciabola o vela (Spatola)

Pesce sciabola o vela (spatola)

Pesce sciabola o vela (spatola)

“La maniera di cucinare il pesce cambia anche da paese a paese e questo avviene per il pesce più originale…e volgare dalla gastronomia bruzia, come le “costardelle”, le sarde, “i pisantuni” (della famiglia dei tonnidi), la “cicirella”, la “fravaglia” (miscuglio di piccoli pesci), la “spatola” (pesce sciabola o vela)

Continua a leggere Pesce sciabola o vela (Spatola)

Tortiera di alici

La maniera di cucinare il pesce cambia anche da paese a paese e questo avviene per il pesce più originale..e volgare della gastronomia bruzia, come le “costardelle”, le sarde, le alici, i “pisantuni” (della famiglia dei tonnidi), la “cicirella”, la “fravaglia” (miscuglio di piccoli pesci), la “spatola” (pesce sciabola o vela) e così via.”Piatto

Continua a leggere Tortiera di alici

Tonno sott’olio (Pesantono sott’olio)

Anche per il pesce, come per alcuni ortaggi, è tradizione in Provincia di Reggio Calabria fare le conserve sott’olio per meglio conservare e quindi poter consumare la pietanza durante tutto l’anno.La ricetta è riportata su “Il libro d’oro della cucina e dei vini di Calabria e Basilicata” di Ottavio Cavalcanti, Editore Mursia – 1979.

Continua a leggere Tonno sott’olio (Pesantono sott’olio)

Stocco di Mammola

Lo stocco di Mammola, che conta secoli di storia e di tradizione gastronomica, viene preparato secondo ricette tradizionali in svariati modi, diventando nel tempo il piatto tipico del territorio di Mammola ed uno dei piatti più caratteristici dell’intero territorio calabrese.

Continua a leggere Stocco di Mammola

Stoccafisso (Stocco alla ghiotta)

Una svolta decisiva si ebbe nella storia della Calabria e, conseguentemente nei settori della vita e della gastronomia, per i contatti con la civiltà araba. I cibi, in particolare, vennero fortemente aromatizzati. Si rafforzò l’uso del peperoncino rosso e del pepe nero.

Continua a leggere Stoccafisso (Stocco alla ghiotta)

Sardella salata di Crotone (Sardella, Mustica)

Pare che la prima tecnica di conservazione del cibo sia da attribuire all’Homo sapiens e risalga a 30.000 anni fa: l’essiccazione al sole ed al vento. Successivamente ne vennero scoperte altre, dettate dall’esigenza di conservare a lungo gli alimenti, per poter disporre delle riserve necessarie a fronteggiare evenienze di ogni tipo (inverno, carestie, guerre

Continua a leggere Sardella salata di Crotone (Sardella, Mustica)

Sarde salate e pepate (Sardi pipate)

Uno dei tanti piatti che possono essere preparati con questi ingredienti.

Continua a leggere Sarde salate e pepate (Sardi pipate)

Sarde salate (Sardi salati)

Sarde salate che dopo vengono inscatolate per essere vendute

Continua a leggere Sarde salate (Sardi salati)

Rosamarina (Sardella)

Sempre presente nelle cucine calabresi per condire primi e secondi e contorni.

Continua a leggere Rosamarina (Sardella)

Pesce spada arrosto con il salmoriglio (Pisci spada rustutu cu sarmurigghiu)

La sagra del pescespada si tiene la seconda domenica di luglio a Bagnara Calabra.

Continua a leggere Pesce spada arrosto con il salmoriglio (Pisci spada rustutu cu sarmurigghiu)