Carni e salumi

Pancetta arrotolata

Pancetta calabrese arrotolata

Pancetta calabrese arrotolata

I salumi di Calabria hanno origini risalenti al periodo Magno-Greco. Le prime documentazioni certe risalgono al 1600 grazie all’opera di Padre Giovanni Fiore da Cropani.

LAVORAZIONE DEL PRODOTTO: Miste.

TECNICHE DI LAVORAZIONE: Il prodotto si ottiene utilizzando pancetta di suino macellata fresca e completamente sgrassata. Si procede alla squadratura e scotennatura della pancetta quindi si sala nelle marne d’acciaio e si spezia con una miscela di aromi tra i quali, peperoncino calabrese piccante e pepe nero dolce, atti ad esaltare la fraganza della carne durante la stagionatura ed a sprigionare il caretteristico aroma. Viene quindi lasciata riposare per circa dieci giorni rigirandola ogni due o tre giorni. Infine, finito tale periodo, si procede ad arrotolare, insaccare all’interno del budello naturale e legare cone le caretteristiche canne. Il prodotto così lavorato viene, in seguito, appeso nelle celle di stagionatura per un tempo di 60 giorni.

PERIODO DI LAVORAZIONE:Tutto l’anno.

MATURAZIONE STAGIONATURA DEL PRODOTTO: La stagionatura è di almeno 60 giorni, in locali con umidità relativa e temperatura controllate.

territorio = TUTTE

INGREDIENTI UTILIZZATI: Carne magra e grassa suina, sale, pepe, aceto di vino.

FORMA: Cilindrica.

DIMENSIONE MEDIA: Varie.

PESO MEDIO: Circa due chili.

SAPORE: Delicato.

ODORE: Intenso.

COLORE: Bianco e rosato all’interno.

 

Scrivi un commento: